L’Avvenire assolve il presunto assassino dei Poliziotti, cristianamente?

Due Poliziotti sono stati assassinati da un cittadino indubbiamente non italiano. Ne Papa Francesco e neppure i maggiorenti del Governo hanno nulla da dire. Solo la destrafascistasipronuncia. Vediamo in queste commoventi immagini le vittime dei criminale pochi minuti prima della Fine. Un terzo milite ha ferito il il delinquente e lo ringrazio perché vederlo vivo sarà molto istruttivo (in genere i terroristi-assassini vengono uccisi e tutto finisce li .. stavolta do il mio personale e commosso grazie anche al militare dal cognome di Santo Eretico, perché l’abbiamo PRESO VIVO):

il presunto Killer viene spacciano per CERTAMENTE FOLLE.

Per ora risulta (da persone attendibili, non interessate, tanto più ora) ..:

Titola Avvenire, senza lasciare possibilità di replica:

I morti di Trieste e la morte della pietà. Le sole parole cristiane e vere

Si assolve in fretta il presunto assassino cogliendo l’occasione per elevarlo a un ruolo “alto”. Che sia forse lui la vera vittima?

Sono stati uccisi in un’assurda sciagura, per mano di un malato di mente

…  si accoglie la tesi del malato di mente prima ancora che venga disposta la perizia, senza alcuna prova, MALGRADO IL GIUDICE CHE L’HA INTERROGATO SOSTENGA LA PIENA LUCIDITA’ DEL SOGGETTO ..  non solo, SI DA CREDITO ALLA NARRAZIONE DI MAMMA E FRATELLO come se fossero terzi:

Il fragore degli spari nella Questura triestina ha però un antefatto. La notte innanzi qualcuno non dormiva, in una casa di immigrati dominicani.

Augusto Meran, 29 anni, malato psichico in cura presso la Asl, si agitava nel letto, strepitava. La madre cercava di calmarlo. Augusto sentiva le voci. «Ma non vedi, mamma, che sono venuti a prendermi, che vogliono uccidermi?». La madre, impotente, si assopisce. Alle 7 Augusto è scomparso. Lei corre in ospedale, chiede aiuto. Suona il cellulare, è l’altro figlio: «Mamma, Augusto ha combinato un guaio». Ha rapinato un motorino per strada. L’arresto, poi repentino quello scatto: un’arma, vera, in mano, il dito che preme sul grilletto, ciecamente, senza una ragione. La morte assurda di due ragazzi che sognavano di sposarsi. I loro genitori a casa, che ancora non sanno.

ecco l’intero testo dell’articolo:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...