Austria: muore dopo il vaccino: indagini e sospesa somministrazione lotto ASTRAZENECA .. poi, altro caso gravissimo

La pragmatica Austria “sospende” Astrazeneca dopo la morte di una 49enne. Segue altro caso grave .. e Governo in crisi .. nelle stesse ore il nostro Speranza, ministro ormai senza speranza … :

la notizia dalla stampa locale:

La morte dopo la vaccinazione crea incertezza

La morte di un’infermiera solleva interrogativi. Cosa sappiamo del caso e perché è improbabile che sia correlato alla vaccinazione Klaus Taschwer

Come misura precauzionale, 37.000 dosi del vaccino Astra Zeneca con il numero di lotto ABV 5300 sono state ritirate dalla circolazione a causa della morte.

Nel fine settimana c’era eccitazione per la morte di un’infermiera che aveva ricevuto una vaccinazione Covid-19 più di dieci giorni prima. È una donna di 49 anni che lavorava allo Zwettl State Hospital. L’ultimo fine settimana di febbraio, è stata rilevata da un’unità di terapia intensiva presso l’ospedale generale di Vienna prima di morire il giorno dopo per un disturbo della coagulazione.

Domanda: qual è lo stato attuale delle indagini in questo tragico caso?

Risposta: Secondo le informazioni del General Hospital, le indagini sono in corso. Ma non ci sono ancora prove di una relazione causale tra la morte e la vaccinazione. A causa della vicinanza temporale, verrà eseguita un’autopsia per chiarire la causa della morte. I risultati esatti dovrebbero essere disponibili in circa dieci giorni. La morte dell’infermiera non comporterà alcun procedimento penale. Il pubblico ministero di Krems non vuole avviare alcun procedimento.

Domanda: un altro caso è emerso a Zwettl nel fine settimana. Ci sono collegamenti qui?

Risposta: A prima vista, sì. Nel caso, è un collega di 35 anni dell’ospedale statale di Zwettl che ha sviluppato un’embolia polmonare. È in cura come ricoverata nel reparto interno dell’ospedale ed è in via di guarigione.

Domanda: Sono state tratte conclusioni da questi casi sospetti?

Risposta: sì. Come misura precauzionale, il lotto interessato con il numero ABV 5300 è stato ritirato dalla circolazione dall’Ufficio federale per la sicurezza sanitaria (BASG). Ci sono 6.000 dosi di vaccino. Gli appuntamenti che devono essere annullati a causa di questa interruzione della vaccinazione devono essere recuperati il ​​prima possibile. Secondo BASG, un totale di circa 37.000 dosi di questo lotto sono già state inoculate. Non ci sono altre segnalazioni di effetti collaterali gravi di questo tipo relative a questo lotto.

Domanda: Quanto è probabile una connessione tra la vaccinazione e i due casi gravi di malattia?

Risposta: non è ancora possibile dirlo con certezza. Da un punto di vista statistico, tuttavia, un tale collegamento sembra molto improbabile. Da un lato, è certo che sono già state inoculate ben oltre dieci milioni di dosi di AZD1222, principalmente in Gran Bretagna, senza che siano stati segnalati casi simili. D’altra parte, i disturbi della coagulazione non sono uno degli effetti collaterali noti di questo vaccino.

Domanda: Un caso mortale estremamente raro della cosiddetta porpora trombocitopenica idiopatica dopo la vaccinazione con il vaccino di Biotech / Pfizer è diventato noto dagli Stati Uniti . Potrebbe essere?

Risposta: Anche questo non si può ancora dire. Nel caso degli Stati Uniti, non è stato possibile stabilire una chiara relazione causale , sebbene ciò sia possibile e si verifichi in casi molto rari con le vaccinazioni. Questa malattia autoimmune è una diminuzione del numero di piastrine nel sangue, che porta a una malattia emorragica. Il medico della Florida interessato, un sostenitore della vaccinazione, alla fine è morto per un ictus. Questa malattia autoimmune estremamente rara può essere scatenata da infezioni virali (come il morbillo) e, in casi ancora più rari, da vaccinazioni contro di essa. Nel complesso, il tasso di guarigione è relativamente buono, dal 70 all’80%. Tuttavia, a causa dell’alto tasso di autoguarigione, è difficile dimostrare un collegamento diretto con la terapia.

Domanda: cosa sappiamo di altri decessi che si sono verificati finora in prossimità delle vaccinazioni Covid-19?

Risposta: casi simili sono stati segnalati da diversi paesi. In quasi tutti i decessi non è stato possibile stabilire un chiaro collegamento con la vaccinazione. La maggior parte dei decessi proveniva da pazienti anziani e molto fragili.

Domanda: quanto differisce il vaccino Astra Zeneca dagli altri vaccini in termini di effetti collaterali?

Risposta: Tutto sommato, solo relativamente poco. Lievi effetti collaterali si verificano con tutti e tre i vaccini. L’impressione che quelli di AZD1222 siano più forti è dovuta principalmente a due fattori: da un lato, questo vaccino è stato finora principalmente inoculato a persone di età inferiore ai 65 anni. E con i più giovani, gli effetti collaterali di tutti i vaccini sono in media un po ‘più forti rispetto a quelli più vecchi. In secondo luogo, con AZD1222 gli effetti collaterali sono più pronunciati con il primo morso, mentre con i due vaccini a mRNA gli effetti collaterali con il secondo morso, i cosiddetti “booster”, sono più forti. (Klaus Taschwer, 9 marzo 2021)

Nota del redattore: al testo sono state aggiunte una domanda e una risposta sulla porpora trombocitopenica idiopatica.

https://www.derstandard.at/story/2000124769318/todesfall-nach-impfung-sorgt-fuer-verunsicherung———————————————————–

Regole di blocco: il test PCR sarà ora valido per 72 ore

Il regolamento di blocco è stato esteso a domenica in commissione principale.

Lunedì, il comitato principale del Consiglio nazionale ha dato la sua – necessaria – approvazione all’estensione delle misure di protezione della corona attualmente applicabili. Questa volta, però, non verranno prolungati di dieci giorni, come di consueto, ma solo di cinque fino a domenica. Perché il Vorarlberg vuole intraprendere misure di allentamento lunedì 15 marzo. Ciò che sembra è attualmente ancora in fase di negoziazione, quindi la quarta ordinanza sulle misure protettive COVID-19 non è stata ancora adattata di conseguenza.

Per il comitato principale, ciò significa che dovrà incontrarsi di nuovo questa settimana. Ciò che il Vorarlberg ha concordato con il Ministero della Salute per allentare la “luce” di blocco attualmente in tutta l’Austria dovrebbe essere annunciato domani, martedì. Neanche il ministro della Salute Rudolf Anschober (Verdi) ha rivelato nulla in commissione: “Siamo nel bel mezzo del processo di lavoro”, ha detto lunedì pomeriggio, secondo la corrispondenza parlamentare. Il fatto è, tuttavia, che il disaccoppiamento del Vorarlberg dal livello federale è persino aumentato di recente. La situazione è “costante e stabile da quattro settimane”.

Situazione “chiaramente più preoccupante”

Nel complesso, la situazione è ora – probabilmente a causa della mutazione del virus britannico – “significativamente più preoccupante” rispetto all’ultima commissione di fine febbraio. Il trend negativo è già arrivato negli ospedali, sia in termini di numero di ricoveri che di pazienti in terapia intensiva. In media, secondo il ministro, l’aumento dei reparti di terapia intensiva è del 14 per cento, nell’Austria orientale è nettamente superiore.

Tuttavia, mercoledì ci saranno due allentamenti selettivi in ​​tutta l’Austria. L’emendamento alla 4a Ordinanza sulle misure di protezione COVID-19, approvata dal comitato principale con i voti dei partiti di coalizione, consente più visite a ospedali, strutture di riabilitazione e centri di cura: è consentito un visitatore al giorno (più due bambini), non solo uno a settimana, ma con un test negativo e di solito una maschera FFP2. E il “periodo di validità” per i test PCR è stato esteso a 72 ore. Tuttavia, i test antigeni negativi consentono solo visite a ospedali, parrucchieri o massaggiatori per 48 ore.

Che vale ancora

Attualmente (e oltre al Vorarlberg certamente anche oltre la domenica) vale quanto segue: la gastronomia e il settore alberghiero rimarranno chiusi, le visite agli eventi culturali e sportivi sono vietate. I negozi possono aprire dalle 6:00 alle 19:00, con la regola dei 20 m2 e l’obbligo del FFP2 per i clienti. Lo stesso vale per musei, biblioteche, biblioteche, zoo e giardini botanici. Per visitare il parrucchiere o per utilizzare un altro servizio a misura di corpo, è necessario un test Covid-19 negativo confermato.

Negli spazi pubblici deve essere mantenuta una distanza minima di due metri dalle altre persone della famiglia. Per molte aree, come i trasporti pubblici, esiste anche un requisito per la maschera FFP2. L’uscita è limitata tra le 20:00 e le 6:00 – per i noti motivi lavoro, spesa necessaria, relax e incontro con i singoli parenti stretti o caregiver. Durante la giornata sono consentite anche riunioni di due famiglie diverse.https://www.derstandard.at/story/2000124769318/todesfall-nach-impfung-sorgt-fuer-verunsicherung
————————————————————

la notizia da Sputnik e Imolaoggi:

Austria, morte sospetta dopo vaccino anti-Covid: stop a lotto di Astrazeneca

Un decesso e un grave effetto avverso dopo l’inoculazione del vaccino Oxford. Sospesa la distribuzione e la somministrazione del lotto mentre sono in corso le indagini.

Le autorità austriache hanno disposto la sospensione a scopo cautelativo di un lotto di vaccino Astrazeneca in seguito alla morte di una donna di 49 anni, deceduta dopo aver ricevuto la dose.

Oltre al decesso si sarebbe verificato un possibile grave effetto avverso. Distribuzione e somministrazione resteranno sospese finché le indagini non escluderanno qualsiasi relazione tra decesso e vaccinazione. 

“L’Ufficio federale per la sicurezza nell’assistenza sanitaria (BASG) ha ricevuto due segnalazioni di vaccini dallo stesso lotto di AstraZeneca presso la clinica distrettuale di Zwettl”, nella provincia della Bassa Austria, si legge nel comunicato.

La 49enne è morta a causa di gravi disturbi emorragici, mentre un’altra donna di 35 anni ha sofferto di un’embolia polmonare ma è in fase di recupero.  I due casi si sono verificati nel distretto clinico di Zwettl, un comune della Bassa Austria. 

Astrazeneca ha replicato ricordando che l’agenzia europea del Farmaco (Ema), ha approvato a fine gennaio il vaccino contro il Covid-19, sulla base di un programma clinico di scala globale che ha coinvolto 23.000 volontari. 

Il piano di vaccinazione in Austria

Oltre 800 mila persone hanno ricevuto almeno una dose di vaccino in Austria. E’ stato immunizzato il 3.16% della popolazione, pari a 245,160 persone che hanno ricevuto entrambe le dosi di vaccino, mentre sono 557,813 quelli che hanno ricevuto la prima dose, il 7,19%. 

I vaccini utilizzati nella campagna di vaccinazione austriaca sono quelli autorizzati dall’Agenzia Europea del Farmaco (EMA), ovvero Pfizer/Biontech, Moderna e Astrazeneca. 

…………………………………………………………………………………………………………………………….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...