Covid-19. Morte: Sigfried. & Roy Horn, fine vita dopo una esistenza tragica o misterioso intrigo ? Complottismo! Barbara Munker, Las Vegas 

(28’42”) – Siegfried & Roy Мirage
“Siegfried & Roy”

“Siegfried & Roy”. è stata una coppia di enorme successo a Las Vegas. Stando a Stern.de Roy Horn sarebbe morto per Covid-19. Roy era parzialmente paralizzato)  tedeschi con cittadinanza statunitense (erano “uniti” anche nella vita).
La notizia:

Nilla Pizzi Grazie Dei Fiori
Roy Horn (nel 1987)
Las Vegas remembers Roy Horn I Camaleonti – Eternità (Sanremo 1970)

—————– t r a d u z i o n e    a u t o m a t i c a —————-

 TUTTO SUL VIRUS CORONA

Roy Horn non si era mai veramente ripreso dall’attacco della tigre a Las Vegas. Il raccapricciante incidente sul palcoscenico del 2003 aveva improvvisamente interrotto la carriera da sogno del duo di maghi “Siegfried & Roy”. Horn è morto all’età di 75 anni a causa di Covid-19.
I suoi medici lo hanno definito “un miracolo” che Roy Horn sia sopravvissuto alle gravi ferite dopo l’attacco della sua tigre bianca Mantecore. Il domatore e il mago, nato a Nordenham vicino a Brema, ha festeggiato il suo 59 ° compleanno al Mirage Hotel di Las Vegas il 3 ottobre 2003. Poche ore dopo, il mago dai capelli scuri è stato gravemente ferito sul palco durante lo spettacolo serale “Siegfried & Roy”. Dopo gravi perdite di sangue, ictus e interventi chirurgici al cervello, non si riprese mai completamente. Il suo partner di vecchia data, Siegfried Fischbacher , nato a Rosenheim , è diventato supervisore.
Ora la malattia polmonare Covid-19 gli è costata la vita. Horn è morto a Las Vegas venerdì (ora locale) per un’infezione da coronavirus, ha riferito il portavoce Dave Kirvin all’agenzia di stampa tedesca. Aveva 75 anni. “Oggi il mondo ha perso uno dei grandi della magia, ma io ho perso il mio migliore amico”, ha detto Fischbacher (80) in un messaggio. 

Roy Horn non si era mai veramente ripreso dall’attacco della tigre a Las Vegas. Il raccapricciante incidente sul palcoscenico del 2003 aveva improvvisamente interrotto la carriera da sogno del duo di maghi “Siegfried & Roy”. Horn è morto all’età di 75 anni a causa di Covid-19.(…)

stando alle cronache si tratterebbe di una vita intensa e segnata dal destino, per noi complottisti vi sono alcuni “segni” ancora più inquietanti, ma vediamo la cronaca :

(…) I suoi medici lo hanno definito “un miracolo” che Roy Horn sia sopravvissuto alle gravi ferite dopo l’attacco della sua tigre bianca Mantecore. Il domatore e il mago, nato a Nordenham vicino a Brema, ha festeggiato il suo 59 ° compleanno al Mirage Hotel di Las Vegas il 3 ottobre 2003. Poche ore dopo, il mago dai capelli scuri è stato gravemente ferito sul palco durante lo spettacolo serale “Siegfried & Roy”. Dopo gravi perdite di sangue, ictus e interventi chirurgici al cervello, non si riprese mai completamente. Il suo partner di vecchia data, Siegfried Fischbacher , nato a Rosenheim , è diventato supervisore.

Ora la malattia polmonare Covid-19 gli è costata la vita. Horn è morto a Las Vegas venerdì (ora locale) per un’infezione da coronavirus, ha riferito il portavoce Dave Kirvin all’agenzia di stampa tedesca. Aveva 75 anni. “Oggi il mondo ha perso uno dei grandi della magia, ma io ho perso il mio migliore amico”, ha detto Fischbacher (80) in un messaggio. 

Roy Horn fu paralizzato da un lato dopo l’attacco della Tigre

Il tragico incidente con la tigre aveva costretto i premiati “padroni dell’impossibile” al pensionamento anticipato; I trucchi avevano entusiasmato milioni di fan per decenni. Roy Horn è rimasto paralizzato da un lato dopo l’incidente.
L’intrattenitore imparò lentamente a camminare di nuovo, sebbene lentamente e appoggiandosi a un bastone. In rare apparizioni pubbliche, è stato anche visto su una sedia a rotelle. Nel maggio dell’anno scorso, il duo ha visitato la casa di Siegfried a Monaco e il lago Tegernsee. Lì ha fatto la terapia con cellule staminali con sangue autologo. “Speriamo che la terapia gli permetta di muoversi di nuovo meglio”, ha detto Fischbacher al giornale “Bild” in quel momento.
Ma al di fuori del suo domicilio nella casa adottiva di Las Vegas , Horn è stato visto sempre meno negli ultimi anni. Le eccezioni erano il tradizionale barilotto che attingeva all’Oktoberfest nella Hofbräuhaus nella città del casinò o una visita ai grandi felini esotici nel recinto “Secret Garden” del casinò Mirage, che da tempo è diventato un’attrazione turistica.
Su Facebook Horn pubblicava occasionalmente foto per i suoi fan della casa di riposo “Little Bavaria” alla periferia di Las Vegas, una proprietà enorme con numerosi gatti e altri animali.

Amore per animali esotici scoperto presto

Uwe Ludwig Horn, nato il 3 ottobre 1944, scoprì presto il suo amore per gli animali esotici. Negli anni del dopoguerra, fuggì in un mondo da sogno animale. Un ghepardo di nome “Chico” allo zoo di Brema divenne il suo migliore amico. Dopo aver lasciato la scuola, assunse l’incarico di steward su una nave da crociera, dove conobbe Fischbacher.
Insieme, hanno giocato a trucchi di magia e animali nei teatri più piccoli fino a quando non hanno raggiunto il loro successo internazionale a Monaco negli anni ’60. Arrivarono a Las Vegas per la prima volta nel 1967, dal 1970 erano lì per tre anni nello Stardust. Nel 1988 hanno negoziato il più grande affare nella storia della città da casinò con il Mirage Hotel. Il duo ha tenuto d’occhio milioni di fan tra il 1989 e il 2003 con un mix esplosivo di magia ed animali esotici, tra cui rare tigri bianche.
L’amore di Roy per i gatti selvatici è continuato, anche dopo l’attacco di Mantecore. Non ha incolpato la tigre bianca – al contrario. Dopo la morte del gatto nel 2014, l’allenatore ha scritto su Facebook che la sua “amata tigre bianca di 17 anni, amico e fratello” era morta. “È stato lui a portarmi in salvo dopo che ho avuto le vertigini sul palco a causa della bassa pressione sanguigna. Mi ha portato fuori di lì in modo che i medici di emergenza potessero aiutarmi.” Mantecore voleva solo venire in suo aiuto e portarlo via, ha detto nelle interviste. 

Ritirato dallo spettacolo nel 2009

Con un ultimo trucco magico, il duo ha finalmente salutato lo spettacolo nel marzo 2009. Lo spettacolo magico in un evento di beneficenza nell’Hotel-Casino Bellagio è durato solo dieci minuti.
Con passi lenti, Horn salì sul palco con un mantello e una maschera neri. Il Fischbacher vestito di bianco entrò in una delle due gabbie di vetro vuote che erano state appese. Quando Horn tirò via gli asciugamani, il Tiger Mantecore era al suo posto nel container, Fischbacher era nell’altra gabbia. Alla fine Siegfried e Roy si sono tolti le maschere, hanno salutato il pubblico e hanno lanciato baci di mano. Non c’erano grandi parole d’addio.
mod / Barbara Munker / DPA

———————————————————————————————————————-

.. inevitabile segnalare meglio l’episodio dell’incidente:

passiamo alle tracce di quel qualcosa di inquietante
appaiono, come spesso accade in episodi “strani”, i soliti Simpson e anche Michael Jackson e altri personaggi del jet set, lo dice Wikipedia.

Siegfried & Roy nella cultura di massa

  • Michael Jackson nel 1989 scrisse una canzone per gli spettacoli dei due illusionisti intitolata Mind is the Magic
  • Lo show dei due artisti è parodiato nell’episodio $pringfield della quinta stagione (1993) dei Simpson con un’evidente “predizione” dell’incidente con la tigre (2003).
  • I comici italiani Raul Cremona e Mr. Forest ne fecero una divertente parodia nell’edizione 1999 di Zelig facciamo cabaret, cambiandone i nomi in “Sigmund & Joy”
  • Nell’episodio Arrivato dal passato della serie televisiva Tremors si scopre che Assblaster, la creatura fuggita, apparteneva ai due illusionisti e che è stata trafugata da una banda di ladri; alla fine dell’episodio essa tornerà di loro proprietà.

ma c’è dell’altro, per chi non lo sapesse diggia!!  .. :

———————————————————————————————————————-
Ma non è finita.. :
premesso che si parla di morte per Covid,
notiamo che il duo unisce Germania e Stati Uniti, a tal proposito ..
ecco una notizia (notizia-bomba, è il caso di dire!) di questi giorni:

non può che farci immaginare un mondo nuovo .. esattamente a 75 anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, ogni paese la festeggia in giorni diversi (vediamo il particolare ruolo della neutrale -piuttosto..- Svizzera)  ma tutti prossimi alla data di morte di Roy .. :

..c’e’ poi quest’altra storia .. la famosa  Juliette Binoche, attrice francese .. “attacca” Bill Gates! E’ una voce da non sottovalutare per la figura che essa rappresenta da molti anni, fa cinema d’autore e  impersona il modello per la donna .. libera e intelligente!:
mi limito a due film .. ditemi se non vi “ricorda qualcosa”??!!:

Il Paziente inglese – Trama

Seconda guerra mondiale. Il conte ungherese László Almásy è rimasto gravemente sfregiato dopo un incidente aereo nel deserto e tutto il suo corpo si è trasformato in una gigantesca piaga.

Hana è una giovane infermiera canadese vedova di guerra, che vive e lavora in un convento abbandonato vicino a Pienza, nelle campagne senesi. In questa casa si prenderà cura dell’uomo sconosciuto che lei chiama “paziente inglese”, a cui riserva la lettura di un libro molto amato dall’uomo e che egli porta sempre con sè. Leggendo le Storie di Erodoto, Hana comincia ad essere attratta dall’uomo e dai suoi misteri e nel frattempo sono proprio queste letture che lo riportano indietro nel tempo, a continui, piacevoli ma anche dolorosi ricordi, soprattutto quelli legati al periodo prima della guerra, quando nel deserto del Nord Africa conobbe Katherine, una donna sposata con il lord inglese Geoffrey Clifton.
Nel monastero trovano alloggio anche una spia canadese, che collabora con i partigiani, di nome David Caravaggio, che conosce il nome e la storia del ferito a causa di misteriosi contatti tra i due nel passato; e in seguito l’artificiere sikh Kip Singh, che si stabilirà nel monastero per bonificare la zona dalle bombe e mine antiuomo piazzate dai tedeschi. Dopo che ha raccontato la sua storia, Almásy chiede ad Hana una dose letale di morfina; lei accetta per porre fine alla sua sofferenza e legge gli ultimi appunti del diario di Katharine mentre lui muore. La presenza di Kip consente ad Hana di dimenticare il fidanzato defunto e la sua morbosa passione per i ricordi del “paziente inglese” per concentrarsi sull’amore sano e genuino che nutre nei confronti del giovane sikh, che comunque al termine del conflitto partirà per conto suo. Infine, lei e Caravaggio lasciano il monastero per iniziare una nuova vita, a Firenze.

se pensiamo alla Juliette dai tanti Romeo .. e confrontiamo il trio Gates (che vuol distruggere la famiglia tradizionale) + il suo di cui si tratta (che nel proprio piccolo l’ha fatto propagandato ottimamente ) .. ecco una scena fra le tante ..

facciamo ora una puntata a Venezia … per la Verità

per chi volesse saperne di più sul “paziente”:

per chi volesse sapere TUTTO sul “paziente” (non è covid ..):

————————————————————————————————————————–

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...