Vendetta texana di Michela Rosetta in stile Greg Abbott sui migranti? San Germano vercellese – Repubblica, Corriere di Torino – tgvercelli.it 

Michela Rosetta interporrà appello oppure presenterà nuovamente delle misure a tutela dei cittadini con documenti in regola!? Quasi certamente. Da tgvercelli.it:

(..) “Il Tar non ha evidentemente letto bene l’ordinanza che era a tutela dell’immigrato perché prescriveva norme di igiene e sicurezza ben precise per questi alloggi da mettere a loro disposizione, evitando che l’accoglienza venisse fatta in un tugurio. Poi ovviamente, tutelava anche la popolazione del mio paese dal business dell’immigrazione pretendendo queste norme assai severe. Su un giornale on line (non il nostro, ndr) ho letto che si tratterebbe esclusivamente di una questione di competenza, tra giunta e Consiglio comunale, se così fosse porteremo subito la delibera in Consiglio. Ma in ogni caso, ripeto, prima di scegliere se andare al Consiglio di Stato vogliamo leggere la sentenza, poi decideremo”.

… Nella scia del Governatore del Texas

Il governatore Greg Abbott ha spiegato in una lettera al dipartimento di Stato che il Texas deve concentrare i suoi finanziamenti “su quelli che sono già qui, contando anche i rifugiati, i migranti e i senzatetto, di fatto tutti texani”. E che lo stato, che ha accolto dal 2010 circa il 10% dei rifugiati accettati dagli Usa, deve far fronte ad un “problema migratorio sproporzionato” con l’arrivo dal 2018 di decine di migliaia di clandestini attraverso il confine messicano. (*)

Titoloni univoci  (su quasi tutti i media) ci hanno presentato la decisione del Tar in modo fazioso e non corrispondente al vero. Pare una sconfitta senza rimedio, “esemplare”. Trionfalistica, come sempre, la Repubblica. L’accaduto pare INVECE frutto di una politicagiudiziariasensounico destinata, si spera, prima o poi a doversi esaurire .. i Giudici “il Corriere di torino da un resoconto obiettivo:

————————————————————————————————————————-

(*)

TEXAS CHIUDE LE PORTE AI PROFUGHI: NE ABBIAMO GIÀ TROPPI

Il Texas diventa il primo Stato Usa a rifiutare di accogliere cosiddetti rifugiati nel 2020, in base all’ordine del presidente americano Donald Trump, che a settembre aveva lasciato ai singoli Stati la scelta di accettarli o meno.

Il governatore Greg Abbott ha spiegato in una lettera al dipartimento di Stato che il Texas deve concentrare i suoi finanziamenti “su quelli che sono già qui, contando anche i rifugiati, i migranti e i senzatetto, di fatto tutti texani”. E che lo stato, che ha accolto dal 2010 circa il 10% dei rifugiati accettati dagli Usa, deve far fronte ad un “problema migratorio sproporzionato” con l’arrivo dal 2018 di decine di migliaia di clandestini attraverso il confine messicano. In Texas i bianchi stanno diventando minoranza. Ma la popolazione bianca del Texas è profondamente identitaria. E’ probabilmente lì che inizierà la seconda guerra ‘civile’ americana. TEXAS CHIUDE LE PORTE AI PROFUGHI: NE ABBIAMO GIÀ TROPPI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...