Luigi Di Maio il sovranista: vuol ricostituire l’IRI .. Popolare di Bari: «Se mettiamo i soldi, allora diventi di proprietà dello Stato» 

vignetta-banca
Di Maio vuol salvare i correntisti, poi la Banca ma .. (udite udite!)  anche l’Italia 

Di Maio, dopo aver invocato le manette per Salvini e attaccato i parlamentari transfughi nella Lega .. fa propria la politica SOVRANISTA, per una NAZIONALIZZAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI BARI! .. spiazzando i sovranisti  .. che non colgono al volo (almeno per ora) .. ma fanno un discorso da capo del governo, se non da Presidente (Matteo Salvini):

.. così pure FdI (Giorgia Meloni) 
(ovviamente) spaccando la maggioranza (volutamente !!!?) … (da ilSecolodItalia)

——————————————

Popolare di Bari, Di Maio all’attacco: «Se mettiamo i soldi, allora diventi di proprietà dello Stato»

Va giù duro Luigi Di Maio contro il salvataggio della Popolare di Bari tentato dal governo in un consiglio dei ministri disertato dai dem. Un’altra grana per Giuseppe Conte con il leader grillino pronto a far saltare il tavolo.  «Per noi ci sono 2 cose da fare prima di arrivare ad un decreto. Che in ogni caso per noi deve salvare i risparmi dei pugliesi, non i banchieri». Su Facebook il ministro degli Esteri entra a gamba tesa sul dibattito che arrovella la maggioranza in uno scontro di accuse reciproche.

Di Maio: se mettiamo i soldi, la banca diventi pubblica

«Vogliamo sapere da chi doveva sorvegliare cosa è emerso in questi anni. Quante sono state le ispezioni di Bankitalia negli ultimi tre anni? Cosa è emerso? Qualcuno dovrà pur pagare per questo buco, non credo lo abbia provocato un alieno». E poi – continua un Di Maio scatento – «vogliamo sapere chi ha prestato soldi e a chi. Quali manager hanno firmato per prestare i soldi dei baresi allo scoperto?». Poi punta il dito contro il Pd e la politica salvabanche dei governi di sinistra. «Non faremo come qualcuno in passato con le banche Venete, che furono ripulite con i soldi degli italiani e poi furono regalate (al prezzo di un euro) ad altre banche. Stiamo ancora risarcendo i risparmiatori truffati».  Poi polemizza con il “suo” premier e il frettoloso consiglio dei ministri notturno per dare il via libera al salvataggio dell’istituto commissariato da Bankitalia.
«Una volta ottenute queste risposte. Che per me devono restare agli atti di un punto ad hoc del Consiglio dei ministri con una discussione chiara e a verbale, la terza cosa che pretendiamo è la seguente. Se dobbiamo mettere soldi pubblici in una banca per evitare che saltino i conti correnti dei pugliesi, quella banca deve diventare di proprietà dello Stato. Per creare la banca pubblica per gli investimenti, che è un nostro obiettivo del programma del Movimento 5 Stelle e che tra l’altro è dentro il programma di governo». 

Popolare di Bari, Di Maio all’attacco: «Se mettiamo i soldi, allora diventi di proprietà dello Stato»

————————————-
“l’ambiente e l’iter preparatorio” dell’uscita di Di Maio (dal resoconto di  ilprimatonazionale.it ):

——————————————

Banca popolare di Bari commissariata, giallofucsia spaccati sul salvataggio. Italia Viva contro tutti

Di Adolfo Spezzaferro
Nuovo scontro in maggioranza: i giallofucsia sono spaccati sul salvataggio della Banca popolare di Bari. Italia Viva è contraria: “Votare a scatola chiusa un decreto così importante è ingiusto e pericoloso”. Lo dichiarano il coordinatore nazionale Ettore Rosato e il ministro Teresa Bellanova, capo delegazione dei renziani al governo. “Dovendo impiegare un miliardo del contribuente appena qualche ora dopo l’assicurazione del premier che negava ogni ipotesi di interventi, ci pare giusto capire meglio di che cosa stiamo parlando“, obiettano. ”Salvare i risparmiatori – proseguono Rosato e Bellanova – è una priorità. Aiutare i lavoratori un dovere. Decidere come farlo riguarda tutti. A meno che non ci sia qualcuno che deve nascondere qualcosa”. Poi l’affondo contro i 5 Stelle, di cui sono alleati obtorto collo nel Conte bis. ”Rimane la curiosità intellettuale di sapere che cosa sia accaduto a chi ha costruito la propria campagna elettorale insultandoci come amici delle banche e oggi non solo mette centinaia di milioni del contribuente per una banca, ma addirittura ci accusa di irresponsabilità solo perché abbiamo chiesto di avere qualche ora per vedere un decreto che, a differenza di ciò che facemmo noi, stanzia un miliardo dei cittadini per rimediare agli errori di chi ha gestito la Popolare di Bari. Anche sulle banche il tempo è stato e sarà galantuomo”, concludono i due renziani.
Conte prima assicura che il salvataggio non serve poi convoca il Cdm
Ieri il Consiglio dei ministri per il salvataggio della banca si è concluso con un nulla di fatto. Non è stato approvato nessun decreto per il momento, ma il governo “è pronto ad assumere le iniziative necessarie alla piena tutela degli interessi dei risparmiatori e a rafforzare il sistema creditizio”. L’accelerazione verso l’ennesimo scontro in seno ai giallofucsia si è innescata dopo che nel primo pomeriggio il premier Giuseppe Conte da Bruxelles aveva rassicurato tutti dicendo “il salvataggio non serve”. Ora invece si parla di un miliardo di soldi pubblici.
Popolare di Bari commissariata da Bankitalia
Dal canto suo, Bankitalia ieri ha deciso di commissariare Popolare di Bari, nominando Enrico Ajello e Antonio Blandini commissari straordinari e Livia Casale, Francesco Fioretto e Andrea Grosso componenti del comitato di sorveglianza. “La Banca d’Italia ha disposto lo scioglimento degli organi con funzioni di amministrazione e controllo della Banca popolare di Bari e la sottoposizione della stessa alla procedura di amministrazione straordinaria, ai sensi degli articoli 70 e 98 del Testo Unico Bancario, in ragione delle perdite patrimoniali”, si legge sul sito dell’istituto di credito pugliese.
Italia Viva diserta il Cdm per protesta
Da qui la decisione di Conte di convocare un Cdm, scatenando le ire di Italia Viva, che diserta la riunione per protesta. Il capo politico M5S, Luigi Di Maio, replica che “c’è un problema con la Banca popolare di Bari ma noi dobbiamo andare a vedere a chi hanno prestato i soldi: pensiamo a un decreto che aiuti i risparmiatori, non gli amici delle banche. Serve una riflessione sul decreto”. Anche il Pd reagisce con irritazione, prima con un tweet di Andrea Orlando e poi con una nota di Dario Franceschini. “I ministri del Pd hanno partecipato al Consiglio dei ministri. In ogni scelta di governo, e a maggior ragione quando si tratta di tutelare i risparmi dei cittadini, noi mettiamo doverosamente senso di responsabilità. Le minacce, le aggressioni agli alleati, le assenze per fare notizia, le lasciamo ad altri“.
Lega: “Conte incapace o instabile, si dimetta”
A scagliarsi contro il premier c’è anche e a maggior ragione la Lega: “Come può nel giro di poche ore il premier sostenere che sulla Banca popolare di Bari non ci sarà nessun intervento salvo convocare un Cdm d’urgenza a distanza di poche ore mentre Bankitalia ordina il commissariamento dell’istituto? Un pacato ‘no comment’ avrebbe evitato una farsa e sarebbe stato più serio anche a mercati aperti. Vorremmo capire cosa è successo: dal tutto bene al fallimento. Siamo nelle mani di una persona instabile o incapace che guida il governo del Paese. Conte si dimetta immediatamente: facciamo appello ai partiti di questa maggioranza per far finire al più presto questa disastrosa e pericolosa esperienza”. Così in una nota il leader della Lega Matteo Salvini e Giancarlo Giorgetti.
Adolfo Spezzaferro

Banca popolare di Bari commissariata, giallofucsia spaccati sul salvataggio. Italia Viva contro tutti
——————————————

su BPB .. spaccando il capello in 4..:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...