Greta Thunberg, una barca, Pierre Casiraghi e 5 biglietti aereo. Ambrogio Fogar, un uomo una slitta, il cane Armaduk e il solito velivolo.

https://www.egaliteetreconciliation.fr/Les-dessins-de-la-semaine-55825.html

La coraggiosa Greta Thunberg mette a repentaglio la propria vita per noi vecchi, per il nostro (?!) futuro !(?). A scopo dimostrativo attraversa l’oceano, A VELA. “Emissioni” zero! .. ma per motivi organizzativi l’operazione prevede 5 biglietti aerei (minimo) .. ad emissioni solite.
Ricorda qualcosa? .. vagamente, l’eroe Ambrogio Fogar, che, fra le innumerevoli imprese delle quali poté vantarsi (al ritorno appariva solo lievemente spettinato) conquistò il polo grazie al suo coraggio (e agli sponsor): “un uomo una slitta e un cane” (il mitico Armaduk), si diceva  .. poi dovette ammettere che viaggiò in aereo per circa 180km. (i più problematici). Lo fece per gli sponsor (confidò in un intervista, all’epoca),
anche Greta .. lei lo fa certamente per George!

—————————————-

Greta Thunberg, l’ecologismo si sgretola: la “truffa” della barca green

La traversata “verde” di Greta e Pierre Casiraghi richiederà almeno due voli transoceanici e cinque biglietti aereo. Altro che emissioni zero

di Marco ZonettiL’ecologismo di Greta Thunberg si sgretola di fronte alla realtà dei fatti. I fatti, nudi e crudi, duri, brutali, quelli che le chiacchiere idilliache e fatate non riescono ad ammantare di fascinosi colori.
L’adolescente più gettonata del mondo “green” è al momento a bordo della barca vela Malizia II, di proprietà di Pierre Casiraghi, rampollo della dinastia monegasca dei Grimaldi e figlio di Carolina Di Monaco, in viaggio verso New York. Nella metropoli statunitense, Greta parteciperà al vertice sull’ecologia dell’Onu, arrivando in pompa magna con il natante di Casiraghi, definito “emissioni zero”. Ma l’impresa del Malizia II ha attirato maliziose confutazioni della favola da parte della testata tedesca Die Tageszeitung che ha rivelato la “truffa” propagandistica del tutto.

In soldoni, quattro uomini dell’equipaggio della Malizia II dovranno prendere l’aereo per raggiungere New York per riportare a casa il suddetto Malizia II, richiedendo la bellezza di due voli transoceanici e ben cinque – cinque – biglietti aereo (contando quello dello skipper che sta pilotando al momento la barca).  Se invece Greta e un suo accompagnatore avessero raggiunto New York in aereo, con un volo di andata e uno di ritorno avrebbero, a conti fatti, risparmiato sulle emissioni CO2 tanto temute dalla ragazzina svedese, che ha fatto sapere che tornerà con una nave portacontainer.

E oltre il danno, la beffa: i suddetti voli potrebbero perfino aumentare se anche Pierre Casiraghi e il regista dell’exploit di Greta decidessero di rientrare in Patria in aereo. Insomma, una “truffa” bella e buona, una “sòla” come direbbero nella Capitale, che getta una livida luce sul fenomeno Greta e sulla sapiente propaganda che ne circonda l’immagine.

 http://www.affaritaliani.it/green/greta-thunberg-ecologismo-si-sgretola-la-truffa-della-barca-green-621360.html

—————————————-

Ambrogio Fogar e la verità sulla morte di Mancini

(…) Poi, in compagnia del fido Armaduk, il suo cane di razza Siberian Husky, conquista a piedi il Polo Nord, anche se lui stesso ammise che dovette usare un aereo per circa 180 km quando si trovò alla deriva sulla banchisa. (…)Ambrogio Fogar e la verità sulla morte di Mancini

acebookTwitterLinkedInFlipboardWhatsAppEmailPrint

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...