Il gallo che faceva 44 “chicchirichì” all’ora. E ora? .. è morto. I gufi – ricetta del Galletto Zürich Pop

Spassoso ed esauriente resoconto su un galletto zurighese ..  messo a tacere (non per sempre, pare). Dovrà anche rispettre l”orario festivo (v. più avanti).

Quel gallo (ora  ridotto al silenzio) ha vinto, suo malgrado, la più tipica malattia, il gallismo ..  ma soffrirà di fronte alle 10 pollastre che abitano l’harem di gravi complessi di castrazione.
Non hanno altro a cui pensare, oltralpe?! .. è vero solo in parte. Intanto, si tratta di una evidente vittoria-simbolica del movimento gay-gender-lgbt, e altro. Eppoi è la spia di più gravi problemi. Se il baldanzoso pennuto non ce l’ha fatta a scappare ..  al contrario

come in Italia per i migranti! .. persino le mitiche ferrovie non fanno più chicchirichì, ma hanno la tosse

………………………………………………..

Quel gallo dovrà chiudere il becco

Il Tribunale dei ricorsi ha dato ragione a un vicino, esasperato dai suoi 44 “chicchirichì” all’ora del pennuto

Il gallo di un pollaio situato in una zona residenziale di un comune zurighese non potrà più cantare la notte. Il Tribunale dei ricorsi in materia edilizia ha imposto al suo proprietario di tenerlo al chiuso e al buio durante le ore notturne.
Il tribunale zurighese si è dovuto pronunciare sul reclamo di un vicino esasperato dai continui “chicchirichì” del pennuto. Keystone-ATS ha ottenuto una copia della sentenza, di cui ha riferito oggi la NZZ.

Il gallo vive in compagnia di dieci galline in un pollaio ricavato da un garage ed è libero di spostarsi all’esterno. Il pollaio di trova in una zona residenziale, “caratterizzata da villette con ampi spazi esterni”, dove l’allevamento per hobby di animali è consentito, ricorda il tribunale nella sentenza.
L’autore del reclamo ha contato fra i 14 e i 44 “chicchirichì” all’ora, sia di giorno che di notte. Utilizzando un app sul suo telefonino ne ha anche misurato il rumore, che dalla finestra della sua cucina, a una distanza di 15 metri, raggiunge gli 84 decibel.
Anche se la licenzia edilizia per il pollaio è stata inoltrata soltanto in un secondo tempo, il tribunale non ha deciso per il suo smantellamento, come chiedeva il ricorrente.

Il proprietario dovrà comunque tenere a bada il gallo ed assicurarsi che tra le 22:00 e le 8:00 (la domenica fino alle 9:00) l’animale sia tenuto al chiuso e al buio. Il pollaio dovrà inoltre essere dotato di un isolamento acustico.

Keystone-ATS | 8 lug 2019 17:30

https://www.ticinonews.ch/svizzera/486177/quel-gallo-dovra-chiudere-il-becco

………………………………………………..

Perché la Svizzera non è solo fondue e raclette

(…) Anche nella ricetta del Galletto ZürichPop, che lo chef ci ha lasciato, c’è un mélange di influenze, sapori, consistenze, che stupisce ad ogni boccone, che lascia sorpresi. Proprio come fa Zurigo con chi la visita, ammalia e seduce, come una bella donna, riservata ed elegante.

La ricetta del Galletto Pop

Ingredienti: 4 galletti da 400 g ciascuno, 4 patate rosse da 50 g, 200 g caprino morbido,  erbe dell’orto, paprika dolce, salsa di carne 100 ml, sale maldon q.b, 100 g menta piperita, 50 g crumble di mais (pop-corn frullati)
Procedimento: pulite il galletto e lasciatelo in una marinatura di paprika, sale, olio evo, pepe, le erbe dell’orto e uno spicchio d’aglio schiacciato. Lasciatelo riposare per un paio d’ore nella marinatura. Lavate le patate rosse. Ancora umide passatele con il sale maldon e incartatele con carta di alluminio, infornatele a 200 gradi per 15/20 minuti. Lavorate il pecorino con dell’olio evo e la menta tagliuzzata, fino a ottenere una crema omogenea. Mettete in una padella antiaderente il galletto dalla parte della pelle, lasciate che venga una crosta croccante, e poi trasferite il galletto in forno a 200 gradi per 8 minuti. Impiattate la crema di formaggio in un bicchierino con accanto la patata al forno tagliata e il galletto ricoperto dal crumble di pop-corn. Finite con un filo di olio. Servite caldissimo.

La ricetta del «galletto pop»

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...